La Building Automation

15. 09. 14
posted by: Redazione
Visite: 974

la building automation (potremmo tradurre il termine con automazione degli edifici) può essere definita come la domotica applicata ad un livello superiore.
Se infatti la domotica si occupa di automatizzare e gestire al meglio tutti gli aspetti che riguardano le singole abitazioni (dal riscaldamento all'illuminazione, solo per fare due esempio) la building automation si occupa di automatizzare tutti i processi relativi alla gestione di un intero edificio.
Con l'applicazione della building automation è possibile ottenere ad esempio la gestione integrata e coordinata di tutti gli aspetti della climatizzazione o della distribuzione dell'energia all'interno dell'edificio stesso.

Lo scopo della building automation è quello di rendere ottimale la fruizione degli edifici, sia per uso residenziale sia destinati all'uso lavorativo. Essa permette di migliorare aspetti come la sicurezza, il comfort e genericamente la qualità della vita. Uno dei grandi vantaggi della building automation è che permette di gestire le spese e i consumi che diversamente sarebbero a carico dei singoli utenti o abitanti delle strutture, come il riscaldamento o l'illuminazione. La gestione centralizzata con building automation permette un notevole risparmio in questo senso.

La building automation si avvale per il proprio funzionamento di diversi componenti di strumentazione industriale, diversificati a seconda dell'ambito di utilizzo. E' molto frequente l'uso di flussostati, così come di tubi di pitot o di sensori di flusso, anche multipunto.
Per quanto riguarda le regolazioni termiche trovano applicazione nella building automation strumenti come gli anemometri digitali o i trasmettitori di velocità, mentre per quanto riguarda la regolazione dell'umidità degli ambienti e la temperatura degli edifici si utilizzano componenti come termoigrometri, ed indicatori o trasmettitori della temperatura rilevata sulle pareti. Diffuso è anche l'utilizzo di sonde di temperatura di diverso tipo, come ad esempio quelle da parete o da canale.
Anche i pressostati sono uno degli strumenti industriali che la building automation ha fatto propri e lo stesso avviene per i trasmettitori di pressione od i sensori Ethernet.
Per la gestione degli impianti elettrici la building automation fa uso di diversi tipi di interruttori di corrente, mentre per quanto riguarda la gestione della climatizzazione si rendono necessari i trasmettitori di CO2, sia nelle versioni da parete sia in quelle da canale.

Quelli indicati sono solo alcuni degli strumenti industriali utilizzanti in questo campo, con variazioni sensibili a seconda dell'ambiente di applicazione e delle necessità dell'edificio e dei suoi abitanti.